NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter.
Rispettiamo la tua privacy. No spam.
Future of human fragilities @2033
Design for All Italia promuove una progettazione per l’individuo reale, inclusiva ed olistica, che valorizza le specificità di ognuno, coinvolgendo la diversità umana nel processo progettuale.
Design for All, Design, Associazione, Italia, Accessibilità, Progetto, Inclusivo
22735
post-template-default,single,single-post,postid-22735,single-format-standard,qi-blocks-1.2.5,qodef-gutenberg--no-touch,real-accessability-body,stockholm-core-2.4,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.7.2,select-theme-ver-9.6.1,ajax_fade,page_not_loaded,menu-animation-underline,side_area_uncovered,smooth_scroll,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.13.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-22399

Future of human fragilities @2033

Con Future of human fragilities@2033 vengono presentati 3 grandi ambiti di rischio per i temi dell’inclusione e 9 profili di possibili futuri utenti fragili, per dimostrare quanto l’importanza del fattore umano debba essere al centro di ogni azione di progetto e trasformazione: questi 9 personaggi sono diventati i protagonisti del lavoro degli studenti della Scuola del Design del Politecnico di Milano e i soggetti per i quali hanno progettato poi nuovi prodotti e servizi, per un futuro davvero migliore ed inclusivo, per tutti.

18-23 aprile 2023
We Will Design @BASE MILANO (primo piano)

QUANTO SARA’ UN FUTURO DIVERSO? Tecnologie, comportamenti, fragilità al 2033.
Giovedì 20 Aprile 2023 h. 17:00 Ground Hall
Via Bergognone 34, Milano

SCARICA L’INVITO

In collaborazione con Design for All Italia e Fondazione Giannino Bassetti
Si ringrazia Esselunga e Fastweb

Il laboratorio di sintesi finale del Politecnico di Milano – Scuola del Design ha voluto adottare una visione sull’inclusione, l’equità e la diversità umana, dotando gli studenti di una nuova sensibilità e di pratiche progettuali innovative, adatte alla complessità dei nostri tempi e alla loro costante mutevolezza. Il nostro primo obiettivo è stato quello di definire le diversità a venire (2033), le paure e le opportunità che il futuro ci presenta, per essere in grado di anticiparle, interpretarle e tenerne conto. Vogliamo infatti progettare un mondo futuro di pari opportunità, diritti e consapevolezza che devono essere affrontati e guidati: il design ha il compito etico di anticipare i comportamenti e le tendenze socio-culturali, non solo di rispondere al mercato. I 9 profili di metaprogettazione emersi sono stati utilizzati nelle esercitazioni successive, diventando patrimonio condiviso del laboratorio e delle tesi di laurea finali.


Link Utili

https://base.milano.it/events/we-will-design-public-program-quanto-sara-un-futuro-diverso-tecnologie-comportamenti-fragilita-al-2033/
https://dipartimentodesign.polimi.it/it/magazine/salone-del-mobile-2023
https://www.fuorisalone.it/en/2023/events/3201/FUTURE-OF-HUMAN-FRAGILITIES2033