NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter.
Rispettiamo la tua privacy. No spam.
Associazione Design for All Italia | Inclusione: opzione o dovere? Il design for All per l’accessibilità inclusiva di spazi e ambienti
Design for All Italia promuove una progettazione per l’individuo reale, inclusiva ed olistica, che valorizza le specificità di ognuno, coinvolgendo la diversità umana nel processo progettuale.
Design for All, Design, Associazione, Italia, Accessibilità, Progetto, Inclusivo
26
post-template-default,single,single-post,postid-26,single-format-standard,real-accessability-body,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8,menu-animation-underline,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Inclusione: opzione o dovere? Il design for All per l’accessibilità inclusiva di spazi e ambienti

Nell’auditorium dell’Aula Rossa del Polo Pindaro, reso speciale dalla presenza degli alievi della Summer School dell’Università Gabriele d’Annunzio di Pescara, si è tenuto il convegno sul design inclusivo di spazi e ambienti ad elevata accessibilità. In particolor modo sotto la guida del del Prof. Giuseppe Di Bucchianico, nuovo Presidente di Design for All Italia, sono state analizzate modalità per superare gli importanti aspetti etici dell’inclusione e presentare casi operativi dove maggiori attenzioni a queste tematiche si sono tradotte in vere svolte per il design oltrecché un fattore di successo per la funzionalità e l’economia del sistema. L’Arch. Paola Falla ha portato la sua esperienza nella progettazione accessibile nei grandi spazi dei complessi monumentali e archeologici maturata come funzionario del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. L’Arch. Marcella Gabbiani, Membro del direttivo di Design for All Italia e del Comitato del premio Internazionale Dedalo Minosse, ha sottolineato l’importanza della committenza come elemento strategico per gli investimenti nella ricerca di soluzioni e sistemi per il miglioramento della fruibilità e dell’inclusione, soffermandosi sugli aspetti sociali di una migliore progettazione che spesso non comporta maggior impiego di risorse. Il Prof. Luigi Bandini Buti, del Politecnico di Milano ha illustrato i risultati della sua ultima esperienza professionale che ha portato all’attribuzione del Marchio di Qualità DfA a l’Autogrill Villorese Est, per i risultati raggiunti rispetto all’accessibilità degli spazi e dei servizi offerti nella nuova stazione di sosta.

Una giornata molto intensa e ricca di spunti di riflessione per intrapprendere nuove ricerche e immaginare nuovi traguardi.

immagine_original-1