NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter.
Rispettiamo la tua privacy. No spam.
Associazione Design for All Italia | Tutti a tavola – Il Food for All a Pescara all’Università degli Studi G. d’Annunzio
Design for All Italia promuove una progettazione per l’individuo reale, inclusiva ed olistica, che valorizza le specificità di ognuno, coinvolgendo la diversità umana nel processo progettuale.
Design for All, Design, Associazione, Italia, Accessibilità, Progetto, Inclusivo
21957
post-template-default,single,single-post,postid-21957,single-format-gallery,real-accessability-body,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8,menu-animation-underline,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Tutti a tavola – Il Food for All a Pescara all’Università degli Studi G. d’Annunzio

Tutti a tavola! Prodotti ceramici for all per la conservazione, la preparazione ed il consumo di cibi e bevande.

Mercoledì 29 aprile 2015 presso il Dipartimento di Architettura dell’ Università degli Studi G. d’Annunzio di Pescara si terrà l’evento “Tutti a tavola! Prodotti ceramici for all per la conservazione, la preparazione ed il consumo di cibi e bevande”. L’iniziativa sarà presentata alle ore 11:00 presso l’Alula Rossa del Dipartimento.

Alle 12:00 si avrà invece d’assistere alla prototipazione live di alcuni dei progetti esposti in mostra, nello spazio antistante ai nuovi laboratori, frutto del corso di Laboratorio di Design 2c tenuto dal nostro socio Giuseppe Di Bucchianico. La prototipazione sarà effettuata contemporaneamente dal maestro torniante Claudio Reginato e da una stampante 3D, attraverso un parallelo fra tradizione e innovazione.

Design for All Italia ha concesso il partocinio a “Tutti a tavola!” che anticipa l’impegno dell’associazione ad affrontare il tema del nutrimento e dell’energia come ulteriore campo di confronto per raggiungere nuove soluzioni inclusive.

Il 23 di maggio si terrà infatti a Cascina Triulsa in occasione dell’EXPO2015 una presentazione di progetti selezionati da DfA Italia che rappresentano nuovi importanti traguardi sul tema del “cibo accessibile”.